Sweet Chestnut, Castagno dolce, Castanea sativa

 

Sweet Chestnut, Fiori di Bach

 

PRINCIPIO: è connesso al potenziale vibrazionale della liberazione.

 

Bach scrive” Sweet Chestnut è il fiore per lo stato interiore sofferente, in cui sembra minacciata l’esistenza stessa dell’Anima, per coloro che pensano di aver raggiunto i limiti della propria capacità di sopportazione”

CARATTERISTICHE di uno stato Sweet Chestnut negativo:

è il momento in cui la persona sta completamente sola, sentendosi le spalle al muro, priva di aiuto e protezione, come un uccellino caduto dal nido.

E’ chi ha combattuto senza lamentarsi, sperando con tutto se stesso, ma è rimasto a mani vuote e adesso non sa più che fare;

è il momento del confronto con se stessi e il suo ultimo tentare di opporsi a un proprio cambiamento interiore che poi sarà decisivo;

la persona si rende conto che le viene tolto tutto perchè deve andare senza nulla verso una nuova esperienza che la vita le offre e che si deve “arrendere” per poter rinascere totalmente;

vive la sua situazione attuale come se fosse senza uscita;

forte stress;

in quel momento si sente senza speranze;

ha la certezza che deve accadere qualcosa di totalmente nuovo.

 

 

Sweet Chestnut favorisce:

l’ “autoritrovamento”;

situazioni nuove da vivere;

evoluzione interiore;

nuove speranze;

“la rinascita interiore”.

 

CONSIGLI:

Dopo qualsiasi notte nasce un nuovo giorno e io credo in questo.

Mi affido alla mia Essenza affinchè mi accompagni lungo il cammino della mia Esistenza e accolgo questo momento buio come ulteriore insegnamento.

Mi permetto di essere libero.

 

 

 

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

Le informazioni riportate in questo sito sono da intendersi come personale spunto di riflessione condiviso e non sostituiscono in alcuna maniera alcuna terapia e/o altre competenze specialistiche. Si invita, in ogni caso, a chiedere il parere del proprio medico.